booksdaily.club

Volodyk - Paolini1-Eragon.doc

На этом ресурсе Вы можете бесплатно читать книгу онлайн Volodyk - Paolini1-Eragon.doc. Жанр: Прочее издательство неизвестно, год неизвестен. На сайте booksdaily.club Вы можете онлайн читать полную версию книги без регистрации и sms. Так же Вы можете ознакомится с содержанием, описанием, предисловием о произведении
Название:
Paolini1-Eragon.doc
Автор
Издательство:
неизвестно
ISBN:
нет данных
Год:
неизвестен
Дата добавления:
19 июнь 2019
Количество просмотров:
30
Читать онлайн
Volodyk - Paolini1-Eragon.doc
Вы автор?
Жалоба
Все книги на сайте размещаются его пользователями. Приносим свои глубочайшие извинения, если Ваша книга была опубликована без Вашего на то согласия.
Напишите нам, и мы в срочном порядке примем меры.

Volodyk - Paolini1-Eragon.doc краткое содержание

Volodyk - Paolini1-Eragon.doc - автор Volodyk, на сайте booksdaily.club Вы можете бесплатно читать книгу онлайн. Так же Вы можете ознакомится с описанием, кратким содержанием.

Paolini1-Eragon.doc читать онлайн бесплатно

Paolini1-Eragon.doc - читать книгу онлайн бесплатно, автор Volodyk
Назад 1 2 3 4 5 ... 68 Вперед
Перейти на страницу:

Dedico questo libro a mia madre.

che sa mostrarmi la magia del mondo; a mio padre. che sa rivelare l'uomo dietro la cortina.

E a mia sorella Angela, che sa. confortarmi quando mi sento triste.

PROLOGO

LO SPETTRO DELLA PAURA

I

l vento ululava nella notte, portando con sé un odore che avrebbe cambiato il mondo. Uno Spettro, alto e flessuoso, alzò la testa per fiutare l'aria; aveva sembianze umane, ma i suoi capelli erano cremisi e gli occhi rossi come braci incandescenti.

Batte più volte le palpebre, perplesso. Il messaggio era inequivocabile: stavano arrivando. E se fosse stata una trappola? Soppesò ogni eventualità, poi ordinò in tono gelido: «Sparpagliatevi: nascondetevi dietro gli alberi e i cespugli. Fermate chiunque si avvicini... o morite.» Intorno a lui si mossero goffi dodici Urgali, armati di corte spade e tondi scudi di ferro dipinti con simboli neri. Assomigliavano a esseri umani con le gambe storte, e avevano braccia tozze e massicce, fatte per schiantare; un orrido paio di corna ritorte spuntavano dietro i piccoli padiglioni auricolari. Fra sordi grugniti e borbottii concitati, i mostri si affrettarono a nascondersi nella boscaglia. Ben presto il trambusto si acquietò e la foresta tornò silenziosa.

Lo Spettro scrutò da dietro un albero per osservare il sentiero. Era troppo buio per occhi umani, ma per lui il debole chiaro di luna era come il sole di mezzogiorno; tutto si stagliava nitido e preciso davanti al suo sguardo indagatore. La sua calma aveva un che di innaturale; nella mano stringeva una lunga e pallida spada, la lama solcata da un lungo graffio curvo, fine come un capello. L'arma era così sottile da penetrare fra una costola e l'altra, ma tanto robusta da squarciare la più solida delle armature.

Gli Urgali non vedevano bene quanto lo Spettro; erravano nell'oscurità come mendicanti ciechi, maneggiando le armi con difficoltà. Un gufo lanciò il suo grido lamentoso nel greve silenzio. Nessuno si acquietò finché l'uccello non volò via. I mostri rabbrividirono nella gelida notte. Uno di loro spezzò senza volerlo un rametto calpestandolo; lo Spettro sibilò la sua collera, e gli Urgali si ritrassero, immobili e timorosi. Lui represse il proprio disgusto - i mostri puzzavano di carne rancida - e si volse, Erano strumenti, nient'altro.

Lo Spettro conteneva a stento la propria impazienza via via che i minuti si trasformavano in ore. L'odore doveva aver preceduto di molto coloro che lo emanavano. Non permise agli Urgali di sgranchirsi le membra o riscaldarsi; lui stesso si negava questi lussi e restava in attesa dietro l'albero, a spiare il sentiero. Un'altra folata di vento turbinò nella foresta. Questa volta l'odore era più intenso. Eccitato, lo Spettro arricciò le labbra in un ghigno.

«Preparatevi» bisbigliò, con un fremito violento che si propagò fino alla punta della sua spada. Aveva a lungo complottato e sofferto per arrivare a quel momento, e per niente al mondo avrebbe perso il controllo.

Gli occhi degli Urgali scintillarono sotto le folte sopracciglia, e le creature strinsero ancora più forte le armi. Più avanti, lo Spettro udì un lieve acciottolio, come di sassolini smossi. Dall'oscurità emersero sagome indistinte; avanzavano lungo il sentiero.

Tre cavalieri in sella a cavalli bianchi trottavano verso l'agguato, le teste alte e fiere, i mantelli che fluttuavano sotto la luna come argento liquido.

Sul primo cavallo c'era un elfo: orecchie a punta e sopracciglia oblique, eleganti, Era di corporatura esile ma forte, come uno stocco. A tracolla portava un arco possente; da un fianco gli pendeva una spada, e dall'altro lato una faretra piena di frecce dall'impennaggio di cigno.

L'ultimo cavaliere aveva il volto chiaro e i lineamenti più affilati del primo. Nella destra impugnava una lunga lancia, e nella cintura portava infilato un pugnale bianco. Sul capo indossava un elmo di straordinaria fattura, d'oro e ambra.

Fra i due cavalcava un'elfa dai capelli neri come ali di corvo, che si guardava intorno con pacato sussiego. Incorniciati da lunghe ciocche nere, i suoi occhi splendenti emanavano una forza irresistibile. I suoi abiti erano di un'austera semplicità, ma nulla toglievano alla straordinaria bellezza della dama. Al fianco portava una spada, e sulla schiena un arco e una faretra. In grembo aveva una bisaccia che adocchiava di continuo, come per assicurarsi che fosse sempre lì. Uno degli elfi parlò, ma lo Spettro non riuscì a sentire che cosa diceva. La dama rispose con evidente autorevolezza, e le sue guardie si scambiarono di posto. Quello con l'elmo passò avanti e strinse le dita intorno alla lancia. Superarono il nascondiglio dello Spettro e dei primi Urgali senza sospettare nulla.

Lo Spettro stava già assaporando la vittoria quando il vento mutò e soffiò verso gli elfi, portando con sé il fetore degli Urgali. I cavalli sbuffarono allarmati e scossero la testa con violenza. I cavalieri si irrigidirono, i loro occhi guizzarono da un lato e dall'altro; poi fecero voltare le cavalcature e presero a fuggire al galoppo.

Il cavallo della dama galoppava più veloce degli altri e in breve li distaccò. Gli Urgali uscirono allo scoperto e scoccarono un nugolo di frecce nere. Lo Spettro balzò fuori dall'albero, levò la mano destra e gridò: «Garjzla!»

Dal suo palmo sfrecciò in direzione dell'elfa un globo infuocato, che al suo passaggio tinse gli alberi di luce sanguigna. Il globo colpì il cavallo, che si arrestò con un nitrito di dolore e cadde di schianto. La dama balzò dalla sella con rapidità inumana, atterrò con grazia e si volse a guardare la sua scorta.

Le frecce letali degli Urgali disarcionarono i due elfi, che caddero dai nobili destrieri lasciando una pozza di sangue nella polvere. Quando gli Urgali si avventarono sugli elfi uccisi, lo Spettro gridò: «Prendetela! È lei che voglio!» I mostri ringhiarono e continuarono a correre lungo il sentiero. L'elfa si lasciò sfuggire un gemito roco quando vide i compagni morti. Fece un passo verso di loro, poi maledisse i suoi nemici e fuggì dentro la foresta.

Mentre gli Urgali sciamavano fra gli alberi, lo Spettro sì arrampicò su di uno sperone di granito che dominava sugli alberi, per avere una visuale completa. Levò una mano e gridò: «Bòetq istalri!» Uno spicchio di foresta, ampio un quarto di miglio, prese fuoco all'istante. Con uno sguardo feroce e concentrato, lo Spettro incendiò uno spicchio dopo l'altro fino a formare un anello di fuoco del diametro di mezza lega tutt'intorno al luogo dell'agguato. Le fiamme rosseggiavano come una corona d'oro sulle chiome degli alberi. Soddisfatto, continuò a fissare l'anello, per alimentare il fuoco.

Più la fascia ardente si allargava, più si riduceva l'area che gli Urgali dovevano setacciare. All'improvviso, lo Spettro udì delle grida è uno strillo rauco: fra gli alberi, tre mostri caddero l'uno sull'altro, feriti a morte. Con la coda dell'occhio scorse l'elfa che fuggiva.

La dama correva verso lo sperone di granito a velocità sorprendente. Lo Spettro studiò il terreno venti piedi più in basso, poi saltò e atterrò agile davanti a lei. L'elfa sì arrestò di colpo, poi deviò per tornare sul sentiero. Dalla sua spada gocciolava nero sangue Urgali: macchiava la bisaccia che stringeva in pugno.

I mostri cornuti sbucarono dalla foresta e la circondarono, bloccandole ogni via di fuga. La dama si guardò intorno, frenetica, ma quando capì di non avere via di scampo, si ricompose con regale dignità. Lo Spettro le si avvicinò con la mano alzata, compiaciuto della sua impotenza. «Prendetela.»

Non appena gli Urgali fecero per avventarsi su di lei, la dama aprì la bisaccia, vi infilò la mano, poi la lasciò cadere a terra. Tra le. dita reggeva un grande zaffiro che rifletteva il bagliore violento degli incendi. Lo sollevò in alto e le sue labbra mormorarono in fretta poche parole. Disperato, lo Spettro latrò: «Garjzla!»

Un globo ardente guizzò dalla sua mano verso l'elfa, fulmineo come una saetta. Ma era troppo tardi. Un lampo di luce verde illuminò per un istante l'intera forestale la gemma scomparve. Poi il globo di fuoco colpì l'elfa, che cadde riversa al suolo.

Lo Spettro ululò di rabbia e scagliò la spada contro un albero. La lama penetrò per metà nel tronco, dove rimase conficcata, vibrando. Lo Spettro scagliò nove globi di energia che uccisero sul colpo gli Urgali, poi liberò la spada e si avvicinò all'elfa.Dalla sua gola sgorgò un fiotto di parole: profezie di vendetta, pronunciate in una lingua abietta che soltanto lui conosceva. Strinse i pugni e levò gli occhi al cielo. Le fredde stelle ricambiarono il suo sguardo, occhi indifferenti di .un altro mondo. Lo Spettro fece una smorfia di disgusto e abbassò lo sguardo sull'elfa priva di sensi. La sua bellezza, in grado di ammaliare qualsiasi mortale, non sortiva alcun effetto su di lui. Si accertò che la gemma fosse davvero scomparsa, poi recuperò la propria cavalcatura dal nascondiglio in mezzo agli alberi. Legò l'elfa sulla sella, montò in groppa a sua volta e si avviò per uscire dal bosco.

Spense gli incendi sul suo cammino, ma lasciò che tutto il resto venisse consumato dal fuoco.

IL RITROVAMENTO

E

ragon s'inginocchiò su un mucchio di canne calpestate e studiò le tracce con occhio esperto: i cervi dovevano essere passati non più di mezz'ora prima. Presto si sarebbero fermati per riposare. Il suo obiettivo, una giovane femmina vistosamente zoppa, era ancora col branco.

Strano che non fosse già caduta preda di un lupo o di un orso.

Il cielo scuro era sereno; spirava una brezza leggera. Una nube d'argento indugiò sulle montagne intorno, i bordi frastagliati illuminati dal bagliore rossastro della luna nascosta fra due picchi. Era il plenilunio più vicino all'equinozio d'autunno. Lungo le pendici dei monti scorrevano molti ruscelli: scendevano dai ghiacciai perenni e dagli scintillanti cappucci nevosi. Una cupa nebbia aleggiava sul fondo della valle, tanto densa da nascondergli i piedi.

Eragon aveva quindici anni; un anno soltanto lo separava dall'ingresso nella vita adulta. I suoi penetranti occhi nocciola erano sormontati da sopracciglia scure. I suoi abiti erano logori. Alla cintura portava un pugnale dal manico d'osso e una guaina di pelle di camoscio proteggeva il suo arco di legno di tasso dall'umidità. In spalla aveva uno zaino dall'intelaiatura di légno. I cervi lo avevano costretto ad addentrarsi sulla Grande Dorsale, una catena di monti selvaggi che si estendeva lungo tutto il territorio di Alagasëia. Spesso da quelle montagne provenivano funeste leggende e uomini misteriosi. Malgrado ciò, Eragon non aveva paura della Grande Dorsale: era l'unico cacciatore nei dintorni di Carvahall che osasse inseguire la selvaggina fin nei suoi più oscuri recessi..

Era la sua terza notte di caccia, e le scorte di cibo cominciavano a scarseggiare. Se non fosse riuscito ad abbattere quella ferrumina al più presto, gli sarebbe toccato tornare a casa a mani vuote. La sua famiglia aveva bisogno di carne perché ormai l'inverno era vicino, e non poteva permettersi di comprarla a Carvahall.

Eragon si rialzò fiducioso al chiaro di luna, poi si inoltrò nella foresta, diretto verso una piccola valle dov'era sicuro che i cervi si sarebbero fermati. Le folte chiome degli alberi gli impedivano di scorgere il cielo e gettavano ambigue ombre sul terreno. Ma Eragon conosceva bene la strada, e solo di tanto in tanto abbassava lo sguardo per controllare il sentiero.

Una volta raggiunta la piccola valle, incordò l'arco e prese tre frecce. Ne incoccò una, reggendo le altre due nella sinistra. La luce lunare rivelò una ventina di sagome immobili: i cervi che riposavano sull'erba. La femmina che cercava era ai margini del branco, la zampa ferita tesa davanti a sé. Eragon si avvicinò silenzioso, tenendo pronto l'arco. Tutta la fatica dei tre giorni precedenti lo aveva guidato a quel momento. Inspirò a fondo prima di scoccare la freccia: e un'esplosione squarciò la notte.

Il branco si alzò di scatto e prese a fuggire in tutte le direzioni. Eragon si slanciò all'inseguimento sul prato, mentre un vento impetuoso gli sferzava il viso. Si fermò e scoccò una freccia contro la zoppicante femmina in fuga. La mancò di un soffio; la freccia si perse sibilando nel buio. Il ragazzo imprecò e si volse per prendere un'altra freccia.

Alle sue spalle, dove pochi istanti prima riposava il branco di cervi, si allargava un ampio spiazzo d'erba e alberi bruciati. Molti pini avevano perso gli aghi. L'erba fuori dal cerchio annerito era schiacciata. Una voluta di, fumo si alzò, emanando un forte odore di bruciato. Al centro dello spiazzo devastato c'era una lucida pietra blu. La nebbia serpeggiò nell'area incenerita, accarezzando la pietra con tentacoli impalpabili.

Eragon attese diversi minuti che il pericolo si mostrasse, ma runica cosa che si muoveva era la nebbia. Con estrema cautela, allentò la presa sull'arco e avanzò. La luna proiettava una pallida luce quando il ragazzo si fermò davanti alla pietra. La toccò con la punta di una freccia, poi fece un balzo indietro. Non successe nulla. Si fece coraggio e la raccolse.

La natura non avrebbe mai potuto levigare una pietra in quel modo. La sua superficie perfetta era di un blu intenso, venato da una sottile ragnatela di striature bianche. La pietra era fredda e liscia al tatto, come seta solidificata. Lunga circa un piede, di forma ovale, pesava qualche libbra, ma era più leggera di quanto si fosse aspettato.

La pietra lo affascinava e turbava al tempo stesso. Da dove viene? Ha uno scopo? All'improvviso gli attraversò la mente un pensiero ancora più inquietante: È caduta per caso, o ero destinato a trovarla? Se le antiche leggende gli avevano insegnato qualcosa, era che la magia e chi ne faceva uso dovevano essere trattati con cauto rispetto.

Ma cosa devo fare di questa pietra? Sarebbe stato faticoso trasportarla, e chissà, magari anche pericoloso. Forse doveva lasciarla dov'era. Si sentì pervadere da un fremito di indecisione, fu lì lì per lasciarla cadere, quando qualcosa lo trattenne. Se non altro, mi servirà a comprare del cibo. Scrollò le spalle e infilò la pietra nello zaino.

La valletta era troppo esposta per accamparsi al sicuro, così tornò nella foresta e si preparò un giaciglio sotto le radici divelte di un albero caduto. Dopo una cena fredda a base di pane e formaggio, si avvolse nelle coperte e si addormentò pensando a quanto era accaduto.

LA VALLE PALANCAR

I

l mattino dopo, il sole sorse in un'abbagliante esplosione di rosa e giallo. L'aria era salubre, dolce, e molto fredda. Le rive dei torrenti erano coperte di brina, e i piccoli stagni erano del tutto gelati. Eragon mangiò una scodella di pappa d'avena per colazione, poi tornò nella valletta per

osservare di nuovo l'area bruciata. La luce del mattino non rivelò altri dettagli, così si avviò verso casa.

Назад 1 2 3 4 5 ... 68 Вперед
Перейти на страницу:

Volodyk читать все книги автора по порядку

Volodyk - на сайте онлайн книг booksdaily.club Вы можете читать полные версии книг автора в одном месте.


Paolini1-Eragon.doc отзывы

Отзывы читателей о книге Paolini1-Eragon.doc, автор: Volodyk. Читайте комментарии и мнения людей о произведении.


Уважаемые читатели и просто посетители нашей библиотеки! Просим Вас придерживаться определенных правил при комментировании литературных произведений.

  • 1. Просьба отказаться от дискриминационных высказываний. Мы защищаем право наших читателей свободно выражать свою точку зрения. Вместе с тем мы не терпим агрессии. На сайте запрещено оставлять комментарий, который содержит унизительные высказывания или призывы к насилию по отношению к отдельным лицам или группам людей на основании их расы, этнического происхождения, вероисповедания, недееспособности, пола, возраста, статуса ветерана, касты или сексуальной ориентации.
  • 2. Просьба отказаться от оскорблений, угроз и запугиваний.
  • 3. Просьба отказаться от нецензурной лексики.
  • 4. Просьба вести себя максимально корректно как по отношению к авторам, так и по отношению к другим читателям и их комментариям.

Надеемся на Ваше понимание и благоразумие. С уважением, администратор booksdaily.club


Прокомментировать
Подтвердите что вы не робот:*